Página principal

An cxxii mai – augusti 2003 fasc. II


Descargar 317.31 Kb.
Página1/12
Fecha de conversión18.07.2016
Tamaño317.31 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   12

A C T A O R D I N I S

F R A T R U M M I N O R U M

An CXXII MAI – AUGUSTI 2003 FASC. II _______________________________________________________________



DE CAPITULO GENERALIS ORDINIS
In S. Maria Angelorum, Assisii, 25 maii-21 iunii 2003



1. Partecipanti al Capitolo generale 2003
1. Definitorio generale

Bini Giacomo (Minister generalis); Ottenbreit Estêvão (Vicarius generalis); Collins Seán (Definitor generalis); Martzall Kapistran (Definitor generalis); Moore Gerardo (Definitor generalis); Riccio Antonio (Definitor generalis); Rodriguez Carballo José (Definitor generalis); Schorr Peter (Definitor generalis); Williams Peter (Definitor generalis); Yu Soo Il Xavier (Definitor generalis); Franjic Antonio (Secretarius generalis).


2. Ministri provinciali

Allimant Jiménez Raúl Segundo (Prov. Ss. Trinitatis, Cile); Anaut Espinosa Manuel (Prov. S. Evangelici, Messico); Armenta Eduardo (Vic.-Prov. S. Francisci Assisiensis, Paua Nuova Guinea); Arregi Guridi Joxe Mari (Prov. Francescana de Arantzazu, Spagna); Bafile Candido (Prov. Aprutiorum S. Bernardini Senensis, Italia); Bankovic Stefan (Prov. Ss. Salvatoris, Slovacchia); Battistelli Giovanni (Cust. Terrae Sanctae, Israele); Bliss Stephen (Prov. Sancti Spiritus, Australia); Bravi Francesco (Prov. Mediolanensis S. Caroli Borromaei, Italia); Brod Luciano (Prov. S. Crucis, Brasile); Bruck Anton (Prov. S. Bernardini Senensis, Austria); Brunette Pierre (Prov. S. Ioseph Spinsi BMV, Canada); Buccoliero Agostino (Prov. Lyciensis Assumptionis BMV, Italia); Buchcik Adrian (Prov. S. Francisci Assisiensis, Polonia); Bujan Iribarren Norberto Rodolfo (Prov. Fluivi Platensis Assumptionis BMV, Argentina); Cabrera Herrera Luis Gerardo (Prov. S. Francisci de Quito, Equador); Calderón Martinez Severino (Prov. Granatensis, N. D. a Regula, Spagna); Campagna Robert (Prov. Immaculatae Conceptionis BMV, U.S.A.); Campana Ferdinando (Prov. Picena S. Iacobi de Marchia, Italia); Cavallini Flavio (Prov. Annuntiationis BMV, Albania); Czura Jozef (Prov. Assumptionis BMV, Polonia); D'Angelo Giacinto (Prov. Salernitano-Lucana Immaculatae Conceptionis BMV, Italia); Da Silva Erivan Messias (Vic.-Prov. N. D. Septem Gaudiorum, Brasile); Daquilanea Arturo (Prov. S. Petri Bapristae, Filippine): De la Serna Obarrio Ramiro (Vic.-Prov. S. Francisci Solano, Argentina); Diaz Rodriguez Anselmo (Prov. Ss. XII Apostolorum Perù); Doctor John (Prov. Ss. Cordis Iesu, U.S.A.); Dohnal Jan Vianney (Prov. Bohemiae et Moraviae S. Venceslai, Rep. Ceca); Dunham Larry (Prov. N. D. de Guadalupe, U.S.A.); Dzierzenga Richard (Vic.-Prov. Verbi Incarnati, Togo); Dzolan Mijo (Prov. S. Crucis, Bosnia-Erzegovina); Egger Gottfried (Vic.-Prov. Christi Regis, Svizzera); Faggioni Maurizio Pietro (Prov. Tusciae S. Francisci Stigmatizzati, Italia); Färber Klaus-Josef (Prov. Coloniae Trium Ss. Regum, Germania); Favretto Mario (Prov. Venetae S. Antonii Patavini, Italia); Fayez Fahim Samuele (Vic.-Prov. S. Familiare, Egitto); Felice John Michael (Prov. ss. Nomis Iesu, U.S.A.); Ferrari Giuseppe (Prov. Bononiensis Christi Regis, Italia); Finocchiaro Carmelo (Prov. Siciliane Ss. Nominis Iesu, Italia); Fragoso de Morais Aloisio (Prov. Prov. S. Antonii Patavini, Brasile); Francis Shaw Sebastian (Vic.-Prov. S. Ioannis Baptistae, Pakistan); Galea Paul (Prov. S. Pauli Apostoli, Malta); Garcia Palacios José del Carmen (Prov. S. Francisci Solano, Perù); García Rodríguez Francisco (Prov. Baltica, Spagna); Gassen Irineu (Prov. S. francisci Assisiensis, Brasile); Geraedts Henk (Prov. Ss. Martyrum Gorcomiensium, Olanda); Gómez Martínez Eulalio (Prov. ss. Petri et Pauli de Michoacan, Messico); Gómez Vergez Francisco Leonardo (Prov. S. Fidei, Colombia); Gonzalez Gonzalez José (Prov. S. Iacobi de Compostela, Spagna); Grimm Benedikt (Prov. Bavariae S. Antonii Patavini, Germania); Ho Peter Cheng-Yen (Prov. Reginae Sinarum, Taiwan); Jagec Lucije (Prov. Ss. Cyrilli et Methodii, Croazia); Jurcys Benediktas (Vic.-Prov. Lithuaniae S. Casimiri, Lituania); Jurisich Melvin (Prov. S. Barbarae, U.S.A.); Koenig Augusto (Prov. Immaculatae Conceptionis BMV, Brasile); Kosla Romuald (Prov. Immaculatae Conceptionis BMV, Polonia); Kovács Bánk (Prov. S. Mariae, Ungheria); Kurowski Blazej (Prov. S. Hedvigis, Polonia); La Neve Aldo (Prov. Romana Ss. Petri et Pauli, Italia); Link Fred (Prov. S. Ioannis Baptistae, U.S.A.); Luczak Thomas (Prov. Assumptionis BMV, U.S.A.); Marchal Roger (Prov. Trium Sociorum, Francia/Belgio); Martella Antonio (Prov. Calabriae Ss. Septem Martyrum, Italia); McCormack Austin Linus (Prov. Immaculatae Conceptionis BMV, Inghilterra); Mokry Robert (Prov. Christi Regis, Canada); Murakami Yoshitaka (Paul Miki) (Ss. Martyrum Iaponensium, Giappone); Muro Aréchiga Juan Ignacio (Prov. B. Juniperi Serra, Messico); Namur Henri (Prov. B. Pacifici, Francia); Ndondji Tshihwisa Adidem Ghislain (Vic.-Prov. S. Benedicti Africani, R. D. Congo); Nogemane Vumile (Prov. N. D. Reginae Pacis, Sud Africa); Oh Sang Seon Paulo (Prov.Ss. Martyrum Coreanorum, Corea del Sud); Oliver Alcón Francisco (Prov. Carthaginensis, Spagna); Oliver Climent Juan Tomás (Prov. Valentiae et Aragoniae S. Ioseph, Spagna); Ortaglio Luigi (Prov. Neapolitana Ss. Cordis Iesu, Italia); Páll Leó (Prov. Transilvaniae S. Stephani Regis, Romania); Palma Enríquez Ernesto (Prov. Dominae Nostrae de Guadalupe, America Centrale e Panama); Peixoto De Castro Fernando Inacio (Vic.-Prov. ss, nominis Iesu, Brasile); Pellegrini Germano (Prov. Tridentina S. Vigilii, Italia); Pepe Franco (Prov. Samnito-Hirpina S. Mariae Gratiarum, Italia); Pereira das Neves José (Prov. Ss. Martyrum Marochiensium, Portogallo); Phi Khanh Vuong Dinh Khoi (Prov. S. Francisci, Vietnam); Plogmann Norbert (Prov. Saxoniae S. Crucis, Germania); Rembecki Heriberto (Prov. Assumptionis BMV, Brasile); Reschiglian Massimo (Prov. Sreaphica S. Francisci Assisiensis, Italia); Ruano Santateresa Pedro (Prov.Castellanae S. Gregorii Magni, Spagna); Saint Yves Jacques (Vic.-Prov. S. Francisci, Africa/Kenia-Madagascar); Sardella Donato (Prov. Apuliae S. Michäelis Arcangeli, Italia); Schlegel Helmut (Prov. Thuringiae S. Elisabeth, Germania); Schwartzl Rupert (Prov. B. Engelberti Kolland, Austria/Italia); Schwieters João (Vic.-Prov. S. Benedicti in Amazonia, Brasile); Scozzina Luis Antonio (Prov. S. Michäelis, Argentina); Skunca Bernardin (Prov. Dalmatiae S. Hieronymi, Croazia); Soldo Slavko (Prov. Assumptionis BMV, Bosnia-Erzegovina); Solinas Mario (Prov. Sardiniae S. Mariae Gratiarum, Italia); Soriano Dominguez Eduardo (Vic.-Prov. S. Felipe de Jesús, Messico); Syukur Paskalis Bruno (Prov. S. Michäelis Arcangeli, Indonesia); Tolic Zeljko (Prov. Ss. Redemptoris, Croazia); Toro Puerta Mario Rafael (Prov. S. Pauli Apostoli, Colombia); Tosini Alberto (Prov. Liguriae ss. Cordis Mariae, Italia); Trivellin Gabriele (Prov. Pedemontana S. Bonaventurae, Italia); Troy Ulic (Prov. Hiberniae, Irlanda); Varanath Scaria (Prov. S. Thomae Apostoli, India); Vargas Galeán René (Prov. Missionaria S. Antonii, Bolivia); Várnai Jakab (Prov. S. Ioannis a Capistrano, Ungheria); Verhelst Walter (Prov. S. Ioseph Sponsi BMV, Belgio); Vilà i Virgili Francesc (Prov. Catalauniae S. Salvatoris ab Horta, Spagna); Wach Marek (Prov. S. Mariae Angelorum, Polonia); Zore Stane (Prov. S. Crucis, Slovenia).
3. Secondi gli Statuti generali (art. 126)

– Schalück Hermann (ex-Min. gen., Prov. Saxoniae S. Crucis, Germania).

– Zumalde Ugarte Nikolás (Secr. Gen. Pro Evang. Miss., Domus dep. Min. gen., Roma).

– Velazquez Rodriguez Manuel Angel (Praes. Foed., Marocco; Prov. Granatensis N. D. a Regula, Spagna).

– Basurto García Guillermo Gerardo (Prov. S. Evangelii, Messico); Bolfeta Ronald (Prov. S. Ioannis Baptistae, U.S.A.); Clemenza Antonino (Prov. Siciliane Ss. Nominis Iesu, Italia); Comparat François (Prov. Trium Sociorum, Francia/Belgio); Damjanovic Stojan (Prov. Ss. Redemptoris, Croazia); de Castro Amedê Peret Rodrigo (Prov. Immaculatae Conceptionis BMV, Brasile); Filgueira Petroni Daniel Horacio (Vic.-Prov. S. Francisci Solano, Argentina); Hsu Kun-Chieh Paul (Prov. Reginae Sinarum, Taiwan); Michael Peter (Prov. Sancti Spiritus, Australia); O'Kane Stephen (Prov. Hiberniae, Irlanda); Orosz Lóránt (Prov. S. Ioannes a Capistrano, Ungheria); Sanchez Salcedo Gustavo (Prov. Ss. Martyrum Marochiensium, Portogallo); Santrich Bermúdez César Efraín (Prov. S. Fidei, Colombia); Suárez Vidal Antonio (Prov. S. Iacobi a Campostela, Spagna); Wojtowicz Salwator (Domus dep. a Min. gen., Roma).

– Finnegan Charles V. (Prov. Ss. Nominis Iesu, U.S.A.); Kremer Sebastião Agostinho (Prov. Immaculatae Conceptionis BMV, Brasile); Malczuk Herkulan (Cust. S. Michäelis Arcangeli, Ucraina); Martini Agostino (Prov. Venetae S. Antonii Patavini, Italia).


4. Segreteria

Lati Giancarlo (Prov. Seraphicae S. Francisci Assisiensis, Italia); Masotti Gianpaolo (Prov. Seraphicae S. Francisci Assisiensis, Italia); Patton Francesco (Prov. Tridentina S. Vigilii, Italia); Spelic Miran (Prov. S. Crucis, Slovenia).


5. Periti

Blazevic Velimir (Prov. S. Crucis, Bosnia-Erzegovina); Carrero Morales Angel Dario (Prov. Francescana de Arantzazu, Spagna); Chinnici Joseph (Prov. S. Barbarae, U.S.A.); Freyer Johannes Baptist (Prov. Domus dep. a Min Gen., Grottaferrata); Mailleux Romain (Prov. Domus dep. a Min Gen., Grottaferrata); Zammit Jimmy (Domus dep. a Min Gen., Roma).


6. Verbalisti

Aluisi Luigi (Prov. Lyciensis Assumptionis BMV, Italia); Berti Fabio (Prov. Romana Ss. Petri et Pauli, Italia); Recchia Stefano (Prov. Mediolanensis S. Caroli Borromaei, Italia).


9. Comunicazioni

Abela John (Domus dep. a Min Gen., Roma); Pinto Ostuni Gianfranco (Domus dep. a Min Gen., Roma).


10. Traduttori

Camps Mezquida Ruben (Domus dep. a Min Gen., Roma); Chagnon Lionel (Prov. S. Ioseph Sponsi BMV, Canada); Faustin Roland (Prov. B. Engelberti Kolland, Austria/Italia); Gaiardoni Renzo (Prov. Tridentina S. Vigilii, Italia); Gallant Laurent (Prov. S. Ioseph Sponsi BMV, Canada) ; Garcia González Gabriel Eduardo (Prov. Ss. Francisci et Iacobi Jalisco, Messico); Hudson Patrick (Domus dep. a Min Gen., Roma); Peters Frank (Prov. Coloniae Ss. Trium Regum, Germania); Vigna Giorgio Maria (Prov. Pedemontana S. Bonaventurae, Italia); Yates Philippe (Prov. Immaculatae Conceptionis BMV, Inghilterra).


11. Interpreti

Corbic Arnaud (Prov. B. Pacifici, Francia); Edringer Christian (Prov. Saxoniae S. Crucis, Germania); Hernández Martínez Raúl (Prov. Ss. Petri et Pauli de Michoacan, Messico); Iorio Paul Thomas (Prov. Seraphica S. Francisci Assisiensis, Italia); Kruger Boniface (Prov. Immaculatae Conceptionis BMV, Inghilterra); Mertens Benedikt (Prov. Thuringiae S. Helisabeth, Germania); Muñoz Mendez Mauro Manuel (Prov. Ss. Petri et Pauli de Michoacan, Messico); Schillings Philippe (Prov. Trium Sociorum, Francia/Belgio); Short William (Prov. S. Barbarae, U.S.A.); Vulcan Pio (Domus dep. a Min Gen., Roma)


12. Liturgia

Viola Vittorio Francesco (Prov. Seraphica S. Francisci Assisiensis, Italia)


13. Segretario Ministro generale

Canali Paolo (Domus dep. a Min Gen., Roma)



2. Messaggio di Giovanni Paolo II al Capitolo generale 2003

UOMINI APPASSIONATI DI CRISTO E DEL VANGELO

TESTIMONI GIOIOSI DEL REGNO
Reverendo Padre
GIACOMO BINI
Ministro Generale dell'Ordine dei Frati Minori


1. Sono lieto di rivolgere a Lei, Reverendo Padre, e a tutto l'Ordine dei Frati Minori il mio cordiale e beneaugurante saluto in occasione del Capitolo Generale Ordinario, convocato nella Città di san Francesco e santa Chiara. Esso viene celebrato alla Porziuncola e questo ravviva la gioiosa memoria delle origini dell'Ordine, sorto sotto lo sguardo di santa Maria degli Angeli, da voi venerata come speciale Patrona con il titolo di “Immacolata”.

L'Assemblea capitolare “di Pentecoste”, prescritta dalla Regola (cfr n. VIII: FF 26), evidenzia il ruolo fondamentale riconosciuto da san Francesco allo Spirito Santo, che egli amava definire “Ministro Generale” dell'Ordine (cfr Celano, Vita seconda, CXLV, 193: FF 779). Lo Spirito Santo purifica, illumina, incendia i cuori con il fuoco dell'amore, conducendoli al Padre sulle orme del Signore Gesù (cfr Lettera a tutti i frati, VI, 62-63: FF 233).

In tale significativa circostanza, mi è gradito rinnovare i sentimenti della mia gratitudine a codesta Famiglia religiosa per il servizio che rende alla Chiesa da ormai molti secoli, proseguendo l'opera iniziata da Francesco di Assisi e dalla sua discepola Chiara. Desidero, altresì, profittare di questa opportunità per offrire ai membri del Capitolo Generale e, per loro tramite, a tutti i Frati Minori alcuni elementi utili per una revisione comunitaria del cammino compiuto sinora e per una più incisiva azione apostolica nel mondo di oggi.
2. Al termine del Grande Giubileo dell'Anno 2000, con la Lettera apostolica Novo millennio ineunte ho voluto richiamare all'intero popolo cristiano le priorità spirituali del terzo millennio, non esitando ad affermare che la prospettiva in cui deve porsi tutto il cammino pastorale è quella della santità (cfr n. 30). Sottolineavo che in ogni programma di evangelizzazione deve risaltare il «primato della grazia..., il primato di Cristo e, in rapporto a Lui, il primato della vita interiore e della santità» (n. 38). Inoltre, un ruolo singolare sono chiamati a svolgere gli Istituti di vita consacrata, avendo essi come specifica missione la testimonianza profetica del Regno dei Cieli. Ciò implica un'incessante tensione alla santità. Si comprende meglio, allora, quanto si legge nell'Esortazione apostolica post-sinodale Vita consecrata, e cioè che «un rinnovato impegno di santità da parte delle persone consacrate è oggi più che mai necessario, anche per favorire e sostenere la tensione di ogni cristiano verso la perfezione» (n. 39).

Se è vero che «le vie della santità sono molteplici e adatte alla vocazione di ciascuno» (Novo millennio ineunte, 31), nella Regola e nelle Costituzioni del vostro Ordine «è racchiuso un itinerario di sequela, qualificato da uno specifico carisma autenticato dalla Chiesa» (Vita consecrata, 37). Tale itinerario è stato percorso da tanti vostri Confratelli, Santi e Beati francescani, che hanno osservato con eroica fedeltà sino alla morte gli impegni liberamente assunti nel giorno della professione religiosa. Ad essi, maestri e modelli di santità, vi sarà di grande aiuto fare costante riferimento, ispirandovi al loro esempio, approfondendone la conoscenza, invocandoli devotamente, commemorandoli nelle loro ricorrenze liturgiche.


3. Il Capitolo Generale si svolge nella città di Assisi, dove risuona perenne la voce che Francesco udì per tre volte scendere dalla Croce verso di lui: «Va',e ripara la mia casa che, come vedi, è tutta in rovina!» (Bonaventura, Leggenda maggiore, 11,1: FF 1038).

Anche in questi ultimi anni, contrassegnati da notevoli mutamenti sociali, l'Ordine è stato stimolato a rendere attuale questa singolare chiamata, approfondendone il significato per viverne coerentemente il carisma. Tale riflessione ha spinto la vostra Famiglia religiosa a porre meglio in evidenza il servizio missionario ed ecclesiale affidato da Cristo al giovane Francesco e, successivamente, confermato dal Papa Innocenzo III con le parole: «Andate con Dio, fratelli, e come Egli si degnerà ispirarvi, predicate a tutti la penitenza» (Celano, Vita prima, XIII, 33: FF 375).

È importante che l'Ordine conservi il proprio stile missionario improntato a povertà e vita fraterna, animato da spirito di contemplazione e dalla sincera ricerca della giustizia, della pace e del rispetto del creato. È, altresì, indispensabile che ogni suo membro e tutte le fraternità collaborino all'edificazione dell'unica Chiesa di Cristo, in accordo e piena comunione con i Pastori delle locali Comunità cristiane.

Il vostro Ordine, d'intesa con gli Ordinari diocesani, contribuirà così a «consolidare e dilatare il regno di Cristo, portando l'annuncio del Vangelo dappertutto, anche nelle regioni più lontane» (Vita consecrata, 78), grazie a un rinnovato spirito di obbedienza e ad un sincero desiderio di comunione ecclesiale.


4. Unico vostro obiettivo, in ogni scelta e decisione apostolica, sia la salus animarum, così come avvenne per il Poverello d'Assisi, sempre ed unicamente mosso da zelo per la salvezza dei fratelli. Considerando «che l'Unigenito di Dio si è degnato di essere appeso alla croce per le anime», «non si riteneva amico di Cristo, se non amava le anime che Egli ha amato» (Celano, Vita seconda, CXXXI, 172: FF 758) e «scelse di vivere per Colui che morì per tutti, ben consapevole di essere stato inviato da Dio a conquistare le anime che il diavolo cercava di rapire» (Celano, Vita prima, XIV, 35: FF 381).

La salus animarum lo spinse pure a promuovere la dignità e i diritti della persona, creata e formata «a immagine del Figlio diletto secondo il corpo e a similitudine di lui secondo lo spirito» (Francesco, Ammonizione V: FF 153), nonché a difendere la salvaguardia del creato, poiché tutte le cose sono state create per mezzo di Cristo e in vista di Cristo e tutte in Lui sussistono (cfr Col 1, 16-17). Soprattutto la vita di Francesco si contraddistinse per una costante tensione spirituale, che lo portava a tutto vedere e comprendere alla luce della «beatitudine definitiva che è presso Dio» (Vita consecrata, 33). Scaturiva da questo suo amore per Dio l'ardente passione di predicare «ai fedeli i vizi e le virtù, la pena e la gloria» (Regola, IX: FF 99). Questo, cari Frati Minori, resti il vostro “stile” apostolico nella Chiesa. Auspico che dai lavori capitolari emergano opportune indicazioni per renderlo sempre più consono alle sfide dell'epoca moderna.


5. «La messe è molta, ma gli operai sono pochi!» (Mt 9,37). Vengono alla mente queste parole di Cristo dinanzi alla vastità del campo d'azione e all'esiguo numero di braccia disponibili. Parlare di slancio missionario sembra poco realistico anche per il vostro Ordine, tenendo conto della riduzione del numero dei suoi membri e dell'innalzamento dell'età media verificatosi in questi anni. Questo, però, più che indurre allo scoraggiamento, deve spingere piuttosto a intensificare, da una parte, la preghiera perché il Padrone della messe «mandi operai nella sua messe» (Mt 9, 38), e a ricercare, dall'altra, nuove strategie pastorali e vocazionali.

Perché perdere la fiducia, se Gesù stesso ebbe ad assicurare a Francesco che proprio Lui era “il responsabile principale” dell'Ordine? Non gli promise forse: «Io ho chiamato, io conserverò e io pascerò e, al posto di quelli che si perdono, altri ne farò crescere. E se non ne nasceranno, li farò nascere io» (Bonaventura, Leggenda maggiore, VIII, 3: FF 1140)? Con questa consapevolezza, promuovete e accompagnate le vocazioni con la preghiera e la testimonianza di vita, confidando in quel «Dio che può suscitare figli di Abramo dalle pietre e rendere fecondi i grembi sterili» (Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica, Ripartire da Cristo, 16). Bene ha fatto l'Ordine a destinare numerose energie alla pastorale vocazionale e alla formazione degli aspiranti alla vita consacrata, in collaborazione con altri Istituti d'ispirazione francescana e con le Diocesi.

Il fascino di Francesco e di Chiara d'Assisi è grande sui giovani e va utilizzato per proporre anche alle generazioni del terzo millennio «una più attenta riflessione sui valori essenziali della vita, che trovano la loro sintesi risolutiva nella risposta che ciascuno è invitato a dare alla chiamata di Dio, specialmente quando questa sollecita la donazione totale di sé e delle proprie energie alla causa del regno» (Novo millennio ineunte, 46).

Le celebrazioni indette dai quattro Ministri Generali delle Famiglie francescane per il 750° anniversario della morte di santa Chiara potranno costituire, al riguardo, un'occasione quanto mai opportuna per far meglio riconoscere le vocazioni alla vita contemplativa, apostolica, eremitica e secolare francescano-clariana.


6. Siate voi stessi uomini appassionati di Cristo e del Vangelo, uomini di preghiera incessante e testimoni gioiosi di una radicale scelta del Regno dei cieli. Il vostro impegno risulterà tanto più efficace quanto più vi sforzerete di offrire i segni eloquenti del «primato che Dio e i valori evangelici hanno nella vita cristiana» (Vita consecrata, 84).

Il tradizionale saio, che abitualmente indossate, richiama già dal primo impatto lo stile di penitenza e di povertà, di mansuetudine e di accoglienza, di semplicità e di totale consacrazione a Dio che deve contraddistinguervi. Mantenetevi fedeli al vostro tipico carisma, aprendovi al tempo stesso con saggezza e prudenza alle esigenze dell'apostolato della nostra epoca.

Lo Spirito Santo con la sua luce e la sua forza vi renda capaci di portare Cristo «nel cuore e nel corpo con l'amore e con la pura e sincera coscienza» e di generarlo «attraverso le sante opere, che devono risplendere agli altri in esempio» (Francesco, Lettera a tutti i fedeli, X, 53: FF 200).

San Francesco, santa Chiara e tutti i vostri santi Patroni accompagnino i lavori capitolari e li rendano fecondi per il bene dell'Ordine e della Chiesa. La Vergine Maria, «Stella della nuova evangelizzazione», vi aiuti a restare fedeli all'impegno missionario a cui Francesco continua ad esortarvi con la bella espressione: «Riponi la tua fiducia nel Signore ed Egli avrà cura di te» (Celano, Vita prima, XII, 29: FF 367).

Alla «Vergine fatta Chiesa» (Francesco, Saluto alla BVM: FF 259), alla Regina degli Apostoli, all'«Avvocata dell'Ordine» (Celano, Vita seconda, CL, 198: FF 786) rivolgetevi ogni giorno con la recita del Rosario, preghiera squisitamente evangelica e francescana.

Con tali sentimenti, mentre per ciascuno assicuro un costante ricordo al Signore, imparto di cuore a Lei, Reverendo Padre, ai Capitolari e a tutti i Confratelli sparsi nel mondo una speciale Benedizione Apostolica.


Dal Vaticano, 10 maggio 2003

Giovanni Paolo II PP


3. Presentazione della relazione del Ministro generale al Capitolo

INTRODUZIONE

Cari Fratelli,

il Signore vi dia pace!
Con tanta gratitudine al Signore che ci ha convocati, assistiti dallo Spirito che illumina le nostre menti e riscalda i nostri cuori, diamo inizio ai lavori del Capitolo generale.

Benvenuti a questa assise fraterna, segno evidente della nostra identità. Un segno che ha bisogno di un senso, di “prendere corpo”, di una risposta: sarà quella che, insieme, riusciremo a formulare in questi giorni, verificando e proiettando la nostra vita nella Chiesa e per il mondo tanto assetato di speranza.

Fratelli, abbiamo in solido, tutti insieme, una grande responsabilità di fronte al mondo, alla Chiesa, ai tanti nostri Fratelli che lungo i secoli, da Francesco in poi, hanno risposto con intelligenza ed entusiasmo ai segni dei loro tempi.

Per qualche giorno siamo chiamati ad allargare lo spazio della nostra tenda (cfr. Is 54,2), gli orizzonti della nostra mente e del nostro cuore, al di là dei nostri interessi personali e locali. Come Famiglia unita, insieme siamo chiamati a rendere ragione della speranza che ci abita agli uomini e alle donne del nostro tempo.

Quella che viviamo è una stagione di grazia, ricca di opportunità, di stimoli, di sfide: non possiamo rimandare! Siamo chiamati a verificare ciò che siamo e stiamo facendo, la nostra vita di discepoli e di apostoli inviati da Gesù in tutto il mondo. Soprattutto siamo invitati a discernere con intelligenza i germi di vita nuova, spesso nascosti, che affiorano nel contesto delle nostre culture, per farli sviluppare sotto il soffio dello Spirito. La situazione di crisi può spingerci a ripiegarci su noi stessi oppure assuefarci ad una vita di indifferenza e mediocrità.

Proiettandoci con coraggio verso orizzonti più universali e carismatici, riusciremo a superare le angustie dell’individualismo e delle emergenze, che rischiano di farci dimenticare l’essenziale e di essere emarginati dalla storia: sono rischi che possono pregiudicare definitivamente il nostro futuro.

Il cambiamento delle strutture su cui discutere in questi giorni non opererà automaticamente il miracolo della nostra trasformazione interiore, ma potrà facilitarla.

Fratelli, siamo convocati alla Porziuncola, in questo luogo tanto caro a Francesco, per scrivere una pagina della nostra storia molto importante, troppo importante: forse domani potrebbe già essere tardi.

Sin d’ora desidero ringraziare tutti, a nome del Definitorio e mio, per la buona preparazione a questo Capitolo iniziata nelle vostre Entità insieme ai vostri Fratelli: so che venite qui portando l’eco del dialogo e delle riflessioni condivise con i Fratelli delle Entità che rappresentate.

Ringrazio per lo spirito di preghiera che ci ha guidato nella preparazione e per la vicinanza di tante Sorelle e Fratelli del Secondo e del Terzo Ordine.

Approfitto di questa occasione per esprimere un grazie sincero al Segretario del Capitolo generale che è stato chiamato all’ultimo momento a questo incarico ed ha accolto l’invito con spirito di disponibilità, di dedizione e di generosità, anteponendo questo lavoro agli altri impegni (è anche Vicario provinciale) che già gli erano stati affidati nella sua Provincia di Trento, alla quale anche va la nostra gratitudine per la prontezza e la generosità dimostrata in questa occasione.

A quanti già hanno lavorato e lavoreranno per un sereno e fruttuoso svolgimento del Capitolo esprimo il mio grazie fraterno e sincero.

Fratelli amati dal Signore, buon lavoro a tutti, nella serenità e nella disponibilità. Con questo atto pubblico dichiaro aperto il nostro Capitolo generale.
PRIMA PARTE

  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   12


La base de datos está protegida por derechos de autor ©espanito.com 2016
enviar mensaje